Giornale di critica e di politica sportiva fondato nel 1912

La rivalutazione di Victor Valdes©  Getty Images

La rivalutazione di Victor Valdes

Il portiere del Barcellona di Guardiola ha ufficialmente lasciato il calcio, dopo tre anni in cui si è sostanzialmente trascinato. Non è stato celebrato come Messi o Iniesta, ma nel grande ciclo è stato spesso decisivo...

Stefano Olivari

5 gennaio 2018

  • Link copiato

Le grandi squadre quasi mai hanno il portiere sotto i riflettori mediatici, non fosse altro che perché vengono chiamati in causa raramente. Il Barcellona di Guardiola non fa eccezione, ma l’addio al calcio di Victor Valdes è stato comunque notevole come la sua carriera, terminata ufficialmente qualche giorno fa ma con una decisione già presa in estate. Un finale di partita a 36 anni, iniziato di fatto nella sua ultima stagione con i blaugrana, ad accordo con il Monaco già firmato, quando si ruppe il crociato in una partita contro il Celta Vigo. Una scelta con il senno di poi sbagliata, quella di fare il vice De Gea al Manchester United, un triste prestito allo Standard Liegi prima di chiudere la scorsa stagione da titolare al Middlesbro

Abbonati per continuare a leggere

Questo è un contenuto riservato agli abbonati. Hai letto tutti gli articoli gratis del mese, non smettere di leggere e attiva l’offerta, tanti contenuti con un unico abbonamento.

Abbonati a € 0,99 € 2,99 al mese

Abbonati ora

Commenti

Leggi Guerin Sportivo
su tutti i tuoi dispositivi