Giornale di critica e di politica sportiva fondato nel 1912

La papera di Hellström

La papera di Hellström

Nella sua prima partita al Mondiale messicano del 1970 l'Italia di Valcareggi fece tantissima fatica, passando soltanto grazie a Domenghini e al portiere avversario...

Redazione

2 novembre 2017

  • Link copiato

Il secondo incrocio mondiale fra Italia-Svezia risale al 1970, quando in Messico le due nazionali si trovarono in un girone che comprendeva anche Uruguay e Israele. Il pomeriggio del 3 giugno a Toluca si vide una partita abbastanza brutta, con gli azzurri ancora in versione pre-staffetta Mazzola-Rivera: Albertosi in porta, Cera libero, Burgnich e Niccolai difensori-difensori, Domenghini sulla fascia destra, Facchetti su quella sinistra, Bertini e De Sisti a centrocampo con Mazzola in posizione più avanzata, Boninsegna e Riva di punta. Con il linguaggio di oggi si potrebbe parlare di 3-4-1-2 senza offendere nessuno. La Svezia fu schierata invece da Bergmark (che da difensore era stato in campo nella finale del 1958 contro il Brasile di Pelé e Gar

Abbonati per continuare a leggere

Questo è un contenuto riservato agli abbonati. Hai letto tutti gli articoli gratis del mese, non smettere di leggere e attiva l’offerta, tanti contenuti con un unico abbonamento.

Abbonati a € 0,99 € 2,99 al mese

Abbonati ora

Commenti

Leggi Guerin Sportivo
su tutti i tuoi dispositivi