Altro

Euro 2016, Galles-Belgio 3-1

La serata che non ti aspetti: un grande Galles spazza via senza pietà il Belgio e vola verso un'incredibile semifinale, che nessuno avrebbe predetto prima dell'Europeo. Belgi quasi subito all'attacco (7') con addirittura 3 tentativi nella stessa azione, ma Ferreira Carrasco, Meunier ed Hazard non riescono a sfondare il muro gallese. Bale (9') scende sulla sinistra e scarica un mancino sull'esterno della rete, poi al 13' arriva il vantaggio belga: autentica sassata di Nainggolan, al secondo centro nel torneo, con un destro da fuori area che Hennessey riesce appena a sfiorare. Gallesi vicini al pari con Taylor (26'), che riceve da Ramsey e calcia al volo verso Courtois, il quale respinge da campione ma non può nulla poco dopo sull'incornata di Ashley Williams (31'). Parità ristabilita, con gli uomini di Coleman perfettamente in partita e al tiro con Bale, Ramsey e Robson-Kanu prima dell'intervallo. Tra il 48' ed il 50' Diavoli Rossi 3 volte alla conclusione con Romelu Lukaku, De Bruyne ed Hazard: pericolosissima quest'ultima, con taglio da sinistra e tiro sul secondo palo, fuori di un soffio. Quando sembra che il Belgio stia giocando meglio arriva la doccia gelata: Ramsey serve in area Robson-Kanu (55'), che stoppa, si gira e con una giravolta fa fuori Meunier, Fellaini e Denayer, battendo di sinistro Courtois. Uno splendido gol. I belgi ci provano, ma si nota terribilmente la serata di scarsa vena dei solisti tanto attesi. Il Galles non perdona e passa ancora all'86' con una grande girata di testa di Vokes, abilissimo a capitalizzare un morbido traversone di Gunter dalla destra. È il colpo del K.O. e clamorosamente manda a casa il Belgio, una delle candidate al titolo. Grandissimo Galles, che sfiderà in semifinale il Portogallo. E pensare che i Dragoni sono al debutto continentale! Le lacrime al fischio finale di Ashley Williams e i visi stupefatti dei suoi compagni dicono tutto sulla portata di questa impresa. Per il Belgio si tratta di un'altra eliminazione ai quarti, dopo il Mondiale brasiliano. C'è il rischio concreto che questa bellissima generazione resti con un pugno di mosche in mano. I PIÙ E I MENO + Hal Robson-Kanu: pensare che sia senza squadra fa sensazione. Una magia sul secondo gol gallese. + Thibaut Courtois: il migliore del Belgio, autore di una grande parata su Taylor nel primo tempo. + Gareth Bale: non segna. Ma è sempre all'erta. Nel finale umilia De Bruyne con un numero da applausi. + Ashley Williams: prestazione granitica. Realizza il pari, si fa sentire sia in difesa che in area belga. - Kevin De Bruyne: a parte un paio di tentativi imprecisi, è stato un mancato protagonista della partita. - Marc Wilmots: la sua generazione d'oro non va di nuovo oltre i quarti. Passo d'addio? IL TABELLINO Lilla, 1° luglio Galles-Belgio 3-1 13' Nainggolan, 31' Ashley Williams, 55' Robson-Kanu, 86' Vokes. Galles (3-5-2): Hennessey; Chester, Ashley Williams, Davies; Gunter, Allen, Ledley (78' King), Ramsey (90' Collins), Taylor, Gunter; Robson-Kanu (80' Vokes), Bale. In panchina: Fôn Williams, George Williams, Edwards, Richards, Cotterill, Jonathan Williams, Ward, Vaughan, Church. Ct: Coleman. Belgio (4-2-3-1): Courtois; Meunier, Alderweireld, Denayer, Jordan Lukaku (75' Mertens); Nainggolan, Witsel; Ferreira Carrasco (46' Fellaini), De Bruyne, Hazard; Romelu Lukaku (83' Batshuayi). In panchina: Mignolet, Gillet, Origi, Kabasele, Dembélé, Benteke, Ciman. Ct: Wilmots. Arbitro: Skomina (Slovenia). Note: ammoniti Davies, Chester, Gunter, Fellaini, Ramsey, Alderweireld; recupero 0' pt, 3' st. Uomo partita Uefa: Robson-Kanu. Fabio Ornano @fabio_ornano