Altro

Euro 2016, Svizzera-Polonia 1-1, 5-6 dcr

Euro 2016 apre le porte alla fase ad eliminazione diretta: in campo Svizzera e Polonia per il primo ottavo di finale. Elvetici in maglia rossa, polacchi in divisa completamente bianca. Pronti, via e dopo appena 23 secondi arriva subito un'occasione per la Polonia: retropassaggio rischioso di Djourou, Sommer deve intervenire su Lewandowski ma serve Milik, che spara alto di sinistro a porta sguarnita. Lo stesso numero 7 polacco non riesce a dare forza con la testa (6') ad un cross di Grosicki, Sommer blocca. Si fa viva la Svizzera al 10' con Dzemaili, che non colpisce bene il suggerimento da sinistra di Shaqiri, esterno della rete. Tentativi poco convinti di Lewandowski (13') e Maczynski (20'), poi Dzemaili (23') tenta la sorte di testa su angolo di Rodríguez, ma il pallone si perde sopra la traversa. Azione personale di Rodríguez (25'), che si sposta verso il centro e scarica a lato un tiro di destro. In seguito ancora polacchi avanti con scarsa mira con Krychowiak (29') e Grosicki (31'). Ancora Milik (33') riceve una buona palla sul secondo palo, stoppa e tira fuori di sinistro. Schär (35') indirizza di testa direttamente sul piazzato Fabianski, che poi alza in corner (38') un mancino di Dzemaili deviato dai compagni. Le numerose chance costruite dai polacchi trovano finalmente il successo al 39': Grosicki serve Milik, che lascia scorrere la sfera; Blaszczykowski si ritrova solo davanti a Sommer e lo trafigge con un destro sotto le gambe. Il fischio di Clattenburg interrompe le ostilità, con i ragazzi di Nawalka meritatamente in vantaggio per la maggior intraprendenza offensiva. Nella Svizzera Seferovic praticamente mai servito, mentre le punte Lewandowski e Milik continuano il loro digiuno. Proprio la punta del Bayern tenta con la punta del piede destro (50') ma trova Sommer attento. Sinistro di Shaqiri (51') che scalda i guanti di Fabianski e nuovo tentativo di Blaszczykowski (53') a cui Sommer nega la doppietta. Partita divertente e combattuta. Schär abbatte Lewandowski (56') con una brutta entrata che gli costa il giallo, poi Petkovic decide di far entrare Embolo ed affiancarlo a Seferovic. Frustata mancina di Piszczek (71') nettamente fuori. Grande parata di Fabianski (73') che toglie dall'incrocio una punizione di Rodríguez. La Svizzera va vicinissima al pareggio (78') con la traversa colpita di sinistro da Seferovic. Pareggio meraviglioso della Svizzera con Shaqiri (82'), che su un pallone volante sfodera una sforbiciata di sinistro che bacia il palo e gonfia la rete. L'ultimo tentativo dei tempi regolamentari è di Milik (90'+2) che spedisce una punizione di sinistro sopra la traversa. Supplementari: Shaqiri (96') tenta un fantasioso pallonetto mancino da posizione un po' defilata, fuori misura. Dopo un minuto tra i due extra-time per dissetarsi, Schär (108') spara un destro altissimo, poi grandissimo match-point sciupato da Derdiyok (113'), che da solo davanti a Fabianski indirizza di testa ma si fa parare il tiro. Male Glik nell'occasione, che si perde letteralmente la punta elvetica. Al 118' Pazdan riesce a disturbare Derdiyok in extremis nell'area piccola. Scadono i 120 minuti e si va così ai calci di rigore. L'unico errore della serie, peraltro grossolano, è di Xhaka. La Polonia è la prima qualificata ai quarti. I PIÙ E I MENO + Valon Behrami: sembra perfettamente a suo agio nel nuovo ruolo di regista difensivo. + Kamil Grosicki: intraprendente sulla corsia mancina, serve a Blaszczykowski la palla dell' 1-0. + Xherdan Shaqiri: ottima partita, impreziosita dalla straordinaria "bicicletta" che vale il pareggio. + Jakub Blaszczykowski: al secondo gol nel torneo, si fa trovare freddo e puntuale in attacco. + Lukasz Fabianski: dà sicurezza all'intera squadra con buoni interventi nell'arco della gara. - Arkadiusz Milik: molto deludente. Gli capitano anche oggi buone occasioni, ma le spreca. - Granit Xhaka: mai nel vivo dell'azione, chiude coerentemente una brutta gara sbagliando l'unico rigore che manda a casa la Svizzera. - Robert Lewandowski: altra gara da dimenticare per un attaccante di grande statura internazionale. IL TABELLINO Saint-Étienne, 25 giugno Svizzera-Polonia 1-1, 5-6 dcr 39' Blaszczykowski, 82' Shaqiri. Svizzera (4-2-3-1): Sommer; Lichtsteiner (C), Schär, Djourou, Rodríguez; Behrami (77' Fernandes), G. Xhaka; Shaqiri, Dzemaili (58' Embolo), Mehmedi (70' Derdiyok); Seferovic. (In panchina: Moubandje, Elvedi, Von Bergen, Lang, Frei, Hitz, Zakaria, Tarashaj, Bürki). C.T. Petkovic. Polonia (4-4-2): Fabianski; Piszczek, Glik, Pazdan, Jedrzejczyk; Blaszczykowski, Krychowiak, Maczynski (101' Jodlowiec), Grosicki (104' Peszko); Milik, Lewandowski (C). (In panchina: Szczesny, Linetty, Boruc, Stepinski, Wawrzyniak, Salamon, Zielinski, Starzynski). C.T. Nawalka. Arbitro: Clattenburg (Inghilterra). Note: ammoniti Schär, Jedrzejczyk, Pazdan e Djourou; recupero: 1' pt, 4' st, 1' pts, 0' sts. Sequenza rigori: Lichtsteiner: rete, Lewandowski: rete, Xhaka: fuori, Milik: rete, Shaqiri: rete, Glik: rete, Schär: rete, Blaszczykowski: rete, Rodriguez: rete, Krychowiak: rete. Uomo partita Uefa: Shaqiri. Fabio Ornano @fabio_ornano