Giornale di critica e di politica sportiva fondato nel 1912

Platini e lo sceicco di Spagna '82

Platini e lo sceicco di Spagna '82

Redazione

30 luglio 2015

  • Link copiato

Difficile che Michel Platini trovi veri avversari, al di là di qualche figurina di prestigio, il prossimo 26 febbraio a Zurigo, quando con tutta probabilità succederà a Joseph Blatter come presidente della FIFA. L'annuncio della candidatura, con una lettera inviata a tutte le 209 federazioni affiliate alla FIFA, è stato di quelli soft anche perché la campagna elettorale vera il sessantenne numero uno della UEFA l'ha già di fatto conclusa lo scorso fine settimana a San Pietroburgo in occasione dei sorteggi dei gironi di qualificazione per Russia 2018. Facendo due conti, Platini può contare sull'Europa (non unita, ma almeno 45 federazioni su 53 e l'appoggio decisivo della Germania, mentre l'Italia ispirata da Malagò sta facendo la furba pens

Abbonati per continuare a leggere

Questo è un contenuto riservato agli abbonati. Hai letto tutti gli articoli gratis del mese, non smettere di leggere e attiva l’offerta, tanti contenuti con un unico abbonamento.

Abbonati a € 0,99 € 2,99 al mese

Abbonati ora

Commenti

Leggi Guerin Sportivo
su tutti i tuoi dispositivi