Giornale di critica e di politica sportiva fondato nel 1912

La faccia di Melli

La faccia di Melli

Guerin Basket dopo la prima giornata della Serie A 2022-23: i pochi italiani decenti, il saluto di Michelini, il perché di Jura e la stagione di Fontecchio. 

Stefano Olivari

3 ottobre

  • Link copiato

La Serie A 2022-23 è iniziata con poche sorprese e del resto l’unica sorpresa vera sarebbe una credibile terza forza che si avvicini ad Olimpia Milano e Virtus Bologna, al di là di eroiche partite singole come è stato per Brescia al Forum e per Napoli sul suo campo. Per Melli, decisivo anche contro la Germani, continua l’onda lunga dell’Europeo: la faccia della pallacanestro italiana è la sua, che non significa che sia più forte di Fontecchio, di Polonara o di Gallinari quando guarirà. Della squadra di Scariolo finora sono piaciute molto le seconde linee, posto che si possa definire tale uno come Mickey: grandi margini per Ojeleye, tonicissimo anche in Supercoppa. Ritorno vincente in Serie A di Verona contro Brindisi, con luce su Alessandro Cappelletti che non è

Abbonati per continuare a leggere

Questo è un contenuto riservato agli abbonati. Hai letto tutti gli articoli gratis del mese, non smettere di leggere e attiva l’offerta, tanti contenuti con un unico abbonamento.

Abbonati a € 0,99 € 2,99 al mese

Abbonati ora

Commenti

Leggi Guerin Sportivo
su tutti i tuoi dispositivi