Altro

I diritti televisivi nell'era di Amazon

Parlare di 'diritti televisivi' sta diventando antiquato, sicuramente il concetto è generico perché si stanno moltiplicando le possibilità tecniche di seguire in diretta lo stesso evento. Il Wall Street Journal ha nei giorni scorsi scritto che Amazon starebbe trattando i diritti web delle grandi leghe americane, NBA e NFL in testa, ma anche di quelle meno grandi come la MLS, con l'idea di proporre un abbonamento tutto compreso a un prezzo unico, forse 99 dollari l'anno. Di base il prezzo ci sembra assurdamente basso, visti i prezzi attuali degli abbonamenti web alle singole leghe. Tanto per dare le cifre: il Season Plus della NFL costa 124,99 dollari, il League Pass della NBA 199,99. Insomma, a prima vista non si capisce in quale modo Amazon ci possa guadagnare, mentre dal punto di vista delle leghe il calcolo è più facile (loro i 'veri' conti degli abbonamenti web li conoscono e quasi mai sono esaltanti). Ma l'idea è comunque molto forte: in mezzo a mille offerte e a mille opportunità il consumatore-telespettatore è disorientato e vorrebbe con un abbonamento unico poter vedere un po' qualsiasi cosa. In altre parole: il numero di persone disposte a pagare 99,99 dollari per tutto magari (così la pensa Jeff Bezos) è di dieci volte superiore al numero delle persone che acquistano pacchetti di singoli sport o leghe. Facebook e Twitter (recente il suo accordo con la NFL per una decina di partite) stanno percorrendo una strada un po' diversa, anche perché diverso è il loro rapporto con l'utente: a loro i diritti di trasmissione web servono per migliorare quantità e target degli utenti, vendendo poi meglio la pubblicità. In tutto questo sommovimento potrebbe soffrire la pay-tv classica, per questo chi dei suoi diritti vive dovrebbe stare attento (o per lo meno riempire i suoi stadi, per non essere preso per fame). Mentre paradossalmente la frammentazione dell'ascolto indotta dal web potrebbe dare una seconda giovinezza agli eventi sportivi sulla tivù generalista: pochissimi ma tutti di rilievo e quindi vendibili come grande momento di aggregazione e memoria condivisa.