Giornale di critica e di politica sportiva fondato nel 1912

Guardiola-Manchester City e la convenienza del progetto

Guardiola-Manchester City e la convenienza del progetto

Redazione

4 febbraio 2016

  • Link copiato

Quasi tutti gli allenatori, anche quelli nel giro dei grandi club, sono giudicati in base alle vittorie. Nelle poche realtà con una dirigenza illuminata i risultati vengono, nella migliore delle ipotesi, messi in relazione al valore della propria rosa e di quelle avversarie. Ma Pep Guardiola è l'unico che oltre alle vittorie, che nel suo curriculum peraltro sono abbondanti, vende un'idea e in definitiva se stesso: un pacchetto completo per chi è schiavo del mito del 'progetto'. E così partono gli ooohhh di meraviglia per il Bayern a cinque punte, quando soltanto Lewandowski fa l'attaccante mentre gli altri (Robben, Müller, Douglas Costa e Coman) a turno fanno i centrocampisti: quando poi Lahm e Alaba sping

Abbonati per continuare a leggere

Questo è un contenuto riservato agli abbonati. Hai letto tutti gli articoli gratis del mese, non smettere di leggere e attiva l’offerta, tanti contenuti con un unico abbonamento.

Abbonati a € 2,99 € 4,50

Abbonati ora

Commenti

Leggi Guerin Sportivo
su tutti i tuoi dispositivi