Giornale di critica e di politica sportiva fondato nel 1912

A Torino qualche criminale ma nessuna guerra

A Torino qualche criminale ma nessuna guerra

Redazione

27 aprile 2015

  • Link copiato

A Torino non è scoppiata la Terza Guerra Mondiale, ma nove persone hanno subìto qualche bruciatura e un grosso spavento: diversamente non sarebbero andate quasi tutte al pronto soccorso in codice bianco o verde, cioè i livelli più bassi del rischio. Questo per mettere il bilancio concreto nella giusta prospettiva, senza bisogno di rapportarlo alla guerra in Iraq basta un ordinario sabato sera in una discoteca di provincia. Ma siccome c'entra il calcio, i fatti collegati al derby sono diventati l'ennesimo pretesto per parlare di emergenza nazionale, leggi speciali, nuovi stadi, eccetera. La premessa è che i feriti, sia pure lievi, non sono tifosi che 'se la sono andata a cercare', come in tante altre occasioni (anche con il morto, ma non divaghiamo), ma tifosi del Torino seduti tranquillame

Abbonati per continuare a leggere

Questo è un contenuto riservato agli abbonati. Hai letto tutti gli articoli gratis del mese, non smettere di leggere e attiva l’offerta, tanti contenuti con un unico abbonamento.

Abbonati a € 0,99 € 2,99 al mese

Abbonati ora

Commenti

Leggi Guerin Sportivo
su tutti i tuoi dispositivi