Altro

Buon Natale dal Guerin Sportivo

Dopo la Supercoppa fra Napoli e Juventus, con rumori di fondo inferiori a quelli del golf (buon Mondiale 2022 a tutti), il calcio italiano si è fermato ma la vita per fortuna no. Il Guerin Sportivo anche nella sua versione web augura quindi un buon Natale a tutti i suoi lettori, persone che non sempre simpatizzano per noi ma che ci hanno dedicato tempo e attenzione e quindi vanno rispettate. È stato un anno strepitoso, come pagine viste e utenti unici, che premia una linea ad alto rischio ma che alla fine ha pagato: quando si commenta si scontenta sempre qualcuno, inevitabilmente, ma il web ha meccanismi strani e soprattutto è gratis, quindi la spinta 'contro' va tenuta nella stessa considerazione di quella 'pro' senza avere la pretesa di rivelare grandi verità. Tutto questo è stato possibile grazie alla libertà lasciata dal direttore Matteo Marani a tutti i collaboratori, al prezzo di filtrare lui per noi telefonate e minacce varie a cui non è il caso di dare importanza. Venendo ai contenuti, è evidente che la parte del leone la fa e la farà sempre il calcio, ma nel nostri piccolo stiamo cercando di smuovere qualcosa e il successo degli articoli di basket o degli spunti riguardanti altri sport è stato una gioia. Certo è che quello del Guerino è il marchio giornalistico-sportivo più prestigioso d'Italia, avendo fondato la sua ultracentenaria storia su un tipo di lettore esigente anche in epoche pretelevisive e pre-web, portandoselo dietro in tutte le sue trasformazioni fino all'assetto attuale: una rivista mensile di approfondimento, senza vendere questo approfondimento come un'invenzione del 2014 e un sito di commenti sull'attualità più stretta. Se è facile definire il Guerino, meno facile è definire il lettore del Guerino in tutte le sue incarnazioni. Un tifoso? Avrebbe mille altri posti dove soddisfare le sue esigenze. Un nostalgico? Non si spiegherebbe la enorme quantità di giovani. Un amante della bella prosa? Librerie e web sono intasati di cattiva letteratura sportiva. Il bello del lettore del Guerino è che è indefinibile, non è un 'target' ma una persona. E alla persona facciamo i nostri migliori auguri.