Giornale di critica e di politica sportiva fondato nel 1912

Redazione

23 ottobre 2014

  • Link copiato

Era logico che la Juventus perdesse ad Atene contro l'Olympiacos, per i cantori del declino italiano. Inchiniamoci alla classe cristallina di M'Dinga e al 4-2-3-1 che Michel adotta in esclusiva mondiale, magari anche alla competitività del campionato greco dove l'Olympiacos è terzo a pari punti con il Kalloni (esiste davvero). E il fatturato, ragazzi? I greci non sono nelle prime trenta squadre europee, secondo la classifica di Deloitte, mentre la Juventus è nona subito dietro alle corazzate che tutti conoscono: Real Madrid e Barcellona, i due Manchester, Chelsea e Arsenal, Bayern e PSG. Ma soprattutto c'è il fatto che, lo diciamo a chi non ha guardato la partita e poi ovviamente la commenta su siti e social network, la Juventus ha disputato una discreta prova. Sonnacchiosa per un'ora, asp

Abbonati per continuare a leggere

Questo è un contenuto riservato agli abbonati. Hai letto tutti gli articoli gratis del mese, non smettere di leggere e attiva l’offerta, tanti contenuti con un unico abbonamento.

Abbonati a € 0,99 € 2,99 al mese

Abbonati ora

Commenti

Leggi Guerin Sportivo
su tutti i tuoi dispositivi