Giornale di critica e di politica sportiva fondato nel 1912

Redazione

20 maggio 2014

  • Link copiato

Il summit Agnelli-Conte era più atteso di un medio G-20 e ha partorito la soluzione peggiore, per gli avversari italiani della Juventus: la squadra bianconera rimane uguale a sé stessa, con una cessione eccellente (Vidal o Pogba, non si scappa), miglioramenti sicuri in qualche ruolo (sulle fasce, soprattutto) ma di certo non con sconvolgimenti nella struttura. Perché se Conte avesse voluto provare il 4-3-3 avrebbe avuto gli attaccanti per provarlo già quest'anno (Tevez, Quagliarella, Vucinic, Giovinco, tenendo Llorente o Osvaldo in mezzo), in serie A le squadre materasso per fare esperimenti non mancano, ma non è certo di tattica che si è parlato secondo quanto risulta a persone degne di fiducia (almeno della nostra). Il punto di partenza è che Conte non aveva in mano alcuna offerta altern

Abbonati per continuare a leggere

Questo è un contenuto riservato agli abbonati. Hai letto tutti gli articoli gratis del mese, non smettere di leggere e attiva l’offerta, tanti contenuti con un unico abbonamento.

Abbonati a € 0,99 € 2,99 al mese

Abbonati ora

Commenti

Leggi Guerin Sportivo
su tutti i tuoi dispositivi