Giornale di critica e di politica sportiva fondato nel 1912

Stelle comete: Domenico Morfeo

Redazione

19 marzo 2014

  • Link copiato

Ho sempre avuto un debole, calcisticamente parlando, per un calciatore talentuoso ma assai discusso: Domenico Morfeo. Una grande promessa del calcio italiano, sin da quando a 15/16 anni deliziava certe platee a livello giovanile. Protagonista assoluto delle rappresentative azzurre, poco o nulla aveva da invidiare a Totti, Di Vaio o Tacchinardi che condividono con lui quelle esperienze. Anzi, da autentico fantasista col colpo sempre in canna, era il fiore all’occhiello della nazionale Under 17, assieme a un altro asso che poi si è perso presto per strada: Alessio Pirri, prodotto delle giovanili della Cremonese. Morfeo per alcuni compensava le palesi difficoltà fisiche (non era certo un gigante per un calcio sempr

Abbonati per continuare a leggere

Questo è un contenuto riservato agli abbonati. Hai letto tutti gli articoli gratis del mese, non smettere di leggere e attiva l’offerta, tanti contenuti con un unico abbonamento.

Abbonati a € 0,99 € 2,99 al mese

Abbonati ora

Commenti

Leggi Guerin Sportivo
su tutti i tuoi dispositivi