Giornale di critica e di politica sportiva fondato nel 1912

Redazione

6 gennaio 2014

  • Link copiato

Qual è il posto di Eusebio nella storia del calcio? Si sa che la morte cambia in meglio tante valutazioni, così come un culto del passato che non solo nello sport sfiora la mistificazione. Il fuoriclasse portoghese è stato però celebratissimo e vincente anche in vita, non ha quindi bisogno di rivalutazioni nostalgiche. Tutti conoscono la sua epopea nel Benfica e nel Portogallo al Mondiale 1966: come attaccante puro (quindi non il '10' del genere Pelé-Maradona-Cruijff) è nel girone dei Van Basten, dei Ronaldo e dei Gerd Muller. A nostro modesto avviso in una posizione di superiorità, visto che la differenza tecnica fra lui e i suoi compagni nel Benfica e nel Portogallo era senz'altro superiore a quella dei campioni citati con i rispettivi compagni. Abbiamo avuto la fortuna

Abbonati per continuare a leggere

Questo è un contenuto riservato agli abbonati. Hai letto tutti gli articoli gratis del mese, non smettere di leggere e attiva l’offerta, tanti contenuti con un unico abbonamento.

Abbonati a € 0,99 € 2,99 al mese

Abbonati ora

Commenti

Leggi Guerin Sportivo
su tutti i tuoi dispositivi