Altro

Chi arriva in Inghilterra: i 15 colpi più cari della Premier

In Inghilterra, solo due dei quindici acquisti più cari della stagione sono stati colpi "interni". Quelli di Mignolet, che è passato dal Sunderland al Liverpool, e quello di Carroll, pagato 15 milioni di sterline dal West Ham (dove tra l'altro ha giocato già in prestito l'ultima stagione). Per il resto, la Premier League si prepara a conoscere molti nuovi volti, che arrivano da Italia, Brasile, Germania, Scozia, Danimarca, Olanda, Portogallo e Ucraina. Passiamoli in rassegna, i quindici colpi più cari di questa sessione di mercato. Stelle note (Paulinho, Jovetic, Schürle), scommesse (Aspas) e astri nascenti (Cornelius, Van Ginkel). Leader incontrastato del mercato, è il Manchester City, che ha già speso 87 milioni di sterline, di cui 35 finiti nelle casse del Siviglia. FERNANDINHO (centrocampista, 4-5-1985) dallo Shakhtar Donetsk al Manchester City per £30m In Ucraina dal 2005, il centrocampista brasiliano è stato per ora il colpo più caro della stagione. Pagato 30 milioni di sterline, si è accasato al rinnovato Manchester City di Pellegrini, per cui ha firmato un quadriennale.  Dopo quelli di Robinho e Agüero, è il terzo acquisto più caro della storia dei Citizens. STEFAN JOVETIC (attaccante, 2-11-1989) dalla Fiorentina al Manchester City per £22m Dopo 35 gol nei cinque anni fiorentini, Jo-Jo ha lasciato la Serie A italiana e si è trasferito al City, in quella che è stata una delle trattative più chiacchierate dell’estate. Alla presentazione nel nuovo club, il montenegrino ha confessato che “Nastasic ha cercato per un anno di convincermi a venire qua” e ha pregato i tifosi viola di non portargli rancore. Anche perché a Firenze al suo posto è arrivato Gomez. ÁLVARO NEGREDO (attaccante, 20-8-1985) dal Siviglia al Manchester City per £20m Nell’estate delle spese folli del Manchester City, c’è stato anche l’acquisto di Negredo, primo spagnolo della scorsa classifica marcatori della Liga. La “fiera de Vallecas” saluta il Siviglia con 102 reti in 209 partite. Un bottino impressionante, che ha convinto lo sceicco Mansour a versare 20 milioni di sterline nelle casse andaluse, e Manuel Pellegrini a dargli la maglia numero 9. Obiettivo futuro, convincere anche Del Bosque, che lo ha portato a Euro 2012, ma non ai Mondiali 2010 e alla Confederations Cup 2013. ANDRÉ SCHÜRRLE (attaccante, 6-11-1990) dal Bayer Leverkusen al Chelsea per £18m Il primo grande colpo del Mourinho-bis è stato l’arrivo a Londra di Schürrle, uno dei tanti giovani d’oro del calcio tedesco. Giocatore che può essere schierato sia come ala che come attaccante, ha segnato con le “aspirine” undici gol nella passata stagione, aiutando la sua squadra a raggiungere il terzo posto. A Londra cercherà di evitare di fare la fine del connazionale Marko Marin, che nella passata stagione arrivò a Stamford Bridge, ma fu deludente. PAULINHO (centrocampista, 25-7-1988) dal Corinthians al Tottenham per £17m Lo abbiamo ammirato nella scorsa Confederations Cup, dove insieme al compagno di reparto Luiz Gustavo, ha formato un’irresistibile coppia di centrocampo nell’undici brasiliano. Decisivo sia in mediana che in zona-gol. È stato cercato da diversi club europei (tra cui l’inter), alla fine l’hanno spuntata gli Spurs. Curiosità: non è la prima esperienza in Europa; da giovane aveva già giocato in Lituania (FC Vinius) e Polonia (LKS Lodz). ANDY CARROLL (attaccante, 6-1-1989) dal Liverpool al West Ham per circa £15m Già al West Ham nello scorso campionato, questa volta giocherà a Upton Park non più in prestito, ma da “hammer” puro. Nella prima stagione londinese ha segnato 7 gol in 24 partite. Per giustificare un costo così oneroso, ne serviranno di più. E pensare che il Liverpool lo aveva pagato al Newcastle 35 milioni... JESÚS NAVAS (ala, 21-11-1985) dal Siviglia al Manchester City per £15m Velocità, bravura nel dribbling e abilità nel guadagnare il fondo: quelle di Jesús Navas sono le classiche caratteristiche che una brava ala deve possedere. Lascia il Siviglia dopo dieci anni (vi arrivò nel 2003) per approdare, ventisettenne, nel campionato inglese, dove cercherà di prendere definitivamente il volo, anche per ritagliarsi uno spazio maggiore in nazionale dove spesso subentra, ma raramente è titolare. VICTOR WANYAMA (centrocampista, 25-6-1991) dal Celtic al Southampton per £12.5m Con la partenza del centrocampista keniano, la Scottish Premier League ha perso quello che probabilmente era il giocatore più forte del campionato. Conosciuto in Italia anche per essere il fratello di Mariga, Wanyama è un mediano forte fisicamente e anche abbastanza presente in zona-gol (una decina nei due anni scozzesi). Sarà il primo calciatore dell’Africa dell’Est a giocare in Inghilterra. WILFRIED BONY (attaccante, 10-12-1988) dal Vitesse allo Swansea per £12m Dal Vitesse allo Swansea per dodici milioni di sterline, ovvero il trasferimento più costoso della storia del club gallese, che ha visto nell’attaccante ivoriano l’uomo giusto per affrontare una storica campagna europea (che inizierà contro il Malmö, giovedì). Conclusa la scorsa Eredivise con 31 gol in 30 presenze, per Bony il debutto in Premier può rappresentare la consacrazione. I gol, per ora, tra Sparta Praga, Vitesse e nazionale, li ha sempre fatti. SIMON MIGNOLET (portiere, 6-3-1988) dal Sunderland al Liverpool per £9m Partito tra le polemiche Pepe Reina, il Liverpool ha scelto come estremo difensore Simon mignolet, portiere della nazionale belga (nella quale si gioca il posto con Curtois), reduce da tre buone stagioni al Sunderland. Classe 1988, è stato fortemente voluto dal tecnico dei Reds Brendan Rodgers, convinto che ad Anfield il suo talento sboccerà del tutto. RICKY VAN WOLFSWINKEL (attaccante, 27-1-1989) dallo Sporting Lisbona al Norwich per circa £8.5m Il nuovo attaccante dei Canaries è un giocatore olandese che negli ultimi due anni si è fatto apprezzare nei portoghesi dello Sporting (e prima ancora con Vitesse e Utrecht). L’allenatore del Norwich, Chris Hughton, spera cheVan Wolfswinkel mantenga le sue alte percentuali realizzative anche a Carrow Road. È il genero del grande Johan Neeskens, uno dei più grandi protagonisti del calcio totale dell'Olanda degli anni Settanta. Proprio Neeskens è stato decisivo nel convincere Ricky ad accettare l'offerta del Norwich. DEJAN LOVREN (difensore, 5-7-1989) dal Lione al Southampton per circa £8.5m Unico difensore di questa lista di giocatori, Lovren era nella lista della spesa anche di Tottenham e Inter. Centrale della nazionale croata (anche se è bosniaco di nascita) e titolare della difesa del Lione negli ultimi tre anni, l’ex difensore della Dinamo Zagabria è approdato in un campionato più probante di quello francese, anche se dalla lotta per il titolo è passato a quella per la salvezza. MARCO VAN GINKEL (centrocampista, 1-12-1992) dal Vitesse al Chelsea per circa £8m Delle quattro stagioni al Vitesse, l’ultima è senz’altro quella da incorniciare, visto che è coincisa anche con l’esordio nella nazionale olandese. Fa da schermo davanti alla difesa ma si fa apprezzare anche per i gol: ha migliorato anno dopo anno il suo bottino personale. ANDREAS CORNELIUS (attaccante, 16-3-1993) dal Copenaghen al Cardiff per £7.5m Per festeggiare lo storico approdo in Premier League, il presidente del Cardiff, il malesiano Vincent Tan, si è tolto lo sfizio Cornelius, attaccante ventenne promessa della Danimarca. Forte nel gioco aereo (è alto 1.93), lo scorso anno ha messo segno nel club della capitale danese, 18 gol in 34 partite. Cornelius sta bruciando le tappe, visto che gli è bastata una sola stagione tra i professionisti della Danish Superliga, per arrivare in Inghilterra. IAGO ASPAS (attaccante, 1-8-1987) dal Celta Vigo al Liverpool per circa £7m 46 gol in 136 partite al Celta Vigo, per quello che sarà il nuovo numero 9 del Liverpool. Alla prima stagione nella Liga, ha messo a segno dodici gol, dopo essere stato il capocannoniere della Segunda División l’anno prima. Un giocatore da seguire. Rodgers lo voleva già quando allenava lo Swansea. Giovanni Del Bianco @g_delbianco