Giornale di critica e di politica sportiva fondato nel 1912

Redazione

17 luglio 2013

  • Link copiato

Pep Guardiola è diventato cattivo? O lo è sempre stato, con i giornalisti innamorati di lui troppo impegnati a disegnargli addosso un abito da finto prete alla Prandelli? Il pacato e saggio Guardiola contrapposto al cattivo Mourinho, al burbero Ferguson, al duro Capello, e così via. Domande che sorgono spontanee dopo la denuncia del suo amico e successore sulla panchina del Barcellona Tito Vilanova, il quale ha rivelato che durante la sua permanenza (due mesi) a New York per farsi curare il tumore Guardiola non si è mai fatto vedere, nonostante proprio nella città americana Guardiola avesse scelto di trascorrere il suo anno sabbatico prima di tornare in pista (e che pista). Da sottolineare

Abbonati per continuare a leggere

Questo è un contenuto riservato agli abbonati. Hai letto tutti gli articoli gratis del mese, non smettere di leggere e attiva l’offerta, tanti contenuti con un unico abbonamento.

Abbonati a € 2,99 € 4,50

Abbonati ora

Commenti

Leggi Guerin Sportivo
su tutti i tuoi dispositivi