Giornale di critica e di politica sportiva fondato nel 1912

Redazione

16 luglio 2013

  • Link copiato

Che il Real Madrid sia il club calcistico più prestigioso del mondo, a poca distanza (dipende dalle stagioni se in positivo o in negativo) da Manchester United e Barcellona, potevamo anche intuirlo. Che fosse anche il club sportivo con il più alto valore di marketing, tenendo presente tutti gli sport in tutto il pianeta, ce lo ha detto invece una interessante classifica di Forbes che ha avuto il merito di non prendere in considerazione dati di bilancio (nel calcio spesso falsi) ma le potenzialità di mercato e il valore del brand. Così il club presiduto dal Florentino Perez bis, in piena rispagnolizzazione sotto la gestione Ancelotti, vale una cifra vicina a 3,3 miliardi di dollari, Poco più del Manchester United, che gode del traino che ha qualsiasi prodotto culturale anglosassone, e 700 milioni più degli eterni rivali catalani. Colpisce il fatto che nei top 50 ci siano pochissime società calcistiche e molte di football americano (colpisce relativamente, perché la NFL è la lega meglio gestita al mondo, anche meglio della NBA) e due sole italiane: la Ferrari, senza dubbio il marchio italiano (non solo sportivo) più conosciuto nel mondo, al 21esimo posto con 1,15 milioni e il Milan: 37esimo con 945 milioni di dollari di valore stimato. Insomma, il miliardo di cui ha sempre parlato Berlusconi alla fine non era proprio una boutade da fine cena e questa 'certificazione' di Forbes potrebbe presto tornargli utile al di là della dichiarazioni di facciata sul Milan 'Ultima delle mie società che venderò'. Fa ridere che lo diciamo noi che arriviamo a fartica alla fine del mese, ma il mondo è pieno di gente con un miliardo da buttare nel calcio in cambio di visibilità globale. Berlusconi sa che quando ne avrà bisogno, e potrebbe presto averne bisogno, basterà schiacciare un tasto per monetizzare.

Condividi

  • Link copiato

Commenti

Leggi Guerin Sportivo
su tutti i tuoi dispositivi