Giornale di critica e di politica sportiva fondato nel 1912

Redazione

3 luglio 2013

  • Link copiato

La Spagna è finita, il Barcellona anche. E pazienza se al gruppo che ha giocato il miglior calcio del pianeta negli ultimi dieci anni i blaugrana aggiungeranno Neymar, mentre Del Bosque non può certo piangere per un secondo posto nella Confederations Cup. Ai campioni del mondo (con quattro 1-0 dagli ottavi alla finale), oltre che una condizione fisica di lusso manca come al solito un attaccante centrale di valore: ruolo che peraltro nel Barcellona può essere lasciato coperto da giocatori adattati, così come nella Roja. Fernando Torres, ormai 29enne, ha perso lo smalto di un tempo ma è ancora soluzione migliore, Villa e Pedro giocano meglio larghi, Soldado è chiaramente una soluzione di rip

Abbonati per continuare a leggere

Questo è un contenuto riservato agli abbonati. Hai letto tutti gli articoli gratis del mese, non smettere di leggere e attiva l’offerta, tanti contenuti con un unico abbonamento.

Abbonati a € 0,99 € 2,99 al mese

Abbonati ora

Commenti

Leggi Guerin Sportivo
su tutti i tuoi dispositivi