Altro

L’invidioso di Balotelli

Balotelli, Cassano e in generale chiunque osi conquistare un titolo di giornale per motivi extracalcistici non possono essere simpatici al c.t. dell'Italia. Non l'abbiamo scoperto in quest'ultimo ritiro azzurro, la situazione era già evidente agli Europei e solo il fatto che si sia arrivati in finale ha troncato e sopito casi che stavano per esplodere. La situazione di Cassano è la più facile da decifrare: si tratta di un giocatore che ha avuto innumerevoli occasioni con la maglia della Nazionale (tre Europei) e che le ha più o meno sempre fallite. Il motivo per non convocarlo più, oltretutto a trenta anni e con una condizione fisica perennemente modesta, ci sarebbe a prescindere da qualche buona partita disputata con l'Inter, ma si preferisce far capire (senza dirlo esplicitamente) che ci sono problemi con il mitico 'gruppo' piuttosto che prendersi una responsabilità tecnica. Cassano, almeno con Prandelli e con gli attuali giocatori del giro azzurro, mai si è comportato male ma è troppo personaggio. Troppo esuberante, troppo cercato dai media che con una sua mezza battuta riescono a fare più titoli che con le intere conferenze stampa di tutti gli altri. Più grave il caso di Balotelli, invece. Si tratta dell'unico fuoriclasse italiano giovane, in assoluto gli sono davanti solo Buffon, De Rossi e Pirlo. A 22 anni sopporta pressioni incredibili (contro la Germania giocò poche ore dopo avere avuto la notizia del figlio, non entriamo poi nel merito della vicenda) e, particolare non secondario, ha trascinato fino alla fine dell'Europeo un'Italia discreta ma da compitino e che senza di lui sarebbe stata incompiuta come l'Inghilterra di Hodgson. Per tutto il mondo è stata l'Italia di Balotelli, non l'Italia 'etica' del 'media-man' Prandelli. Con etica peraltro variabile, confrontando i trattamenti riservati a Criscito e Bonucci. E si stacca così tanto dalla massa, Balotelli, che il c.t. sembra aspettare solo un pretesto per inserire al suo posto uno dei tanti mezzi giocatori che solo la vendita dei campioni ha reso protagonisti della serie A.