Giornale di critica e di politica sportiva fondato nel 1912

Caro agnelli, lasciaci Del Piero

Redazione

14 maggio 2012

  • Link copiato

Riceviamo e, volentieri, pubblichiamo: Scrivo questa mail dopo avervi già scritto in passato con annesse motivazioni per le quali un giocatore come Del Piero dovrebbe rimanere alla Juventus. Sono un rappresentante tra i milioni di tifosi bianconeri nel mondo e sono assolutamente DISGUSTATO del trattamento riservato ad Alessandro Del Piero. Partiamo dal presupposto che un giocatore come Il Capitano è sempre un valore aggiunto e mai un peso. Secondariamente, credete davvero che avremmo vinto lo scudetto senza il suo apporto? E saremmo davvero qui in Coppa Italia senza averlo in squadra? Ve lo dico io, la squadra non sarebbe Campione d'Italia e non sarebbe nemmeno in finale di Coppa Italia, ecco la verità. Il giocatore, nonostante il minutaggio per evidente scelta societaria, si è sempre fatto trovare pronto quando è stato chiamato in causa ed ha portato, direttamente o indirettamente, alla conquista di numerosi punti decisivi per lo scudetto. Il signor Agnelli può continuare a rispondere alle dichiarazioni usando la sua faccia di bronzo quanto vuole, ma le motivazioni che porterebbero ad un eventuale addio di Del Piero, non sono state ancora spiegate al popolo juventino, né tantomeno al giocatore stesso, che dal canto suo, continua a dichiarare tramite dichiarazioni quasi subliminali e in qualche modo anche dirette("penso solo alla Juve") di voler restare in bianconero. Il tifoso juventino medio si chiede perchè escludere Del Piero. Il calciatore in questione è ancora il più forte al mondo ed ha capacità tecniche e di leadership fuori dal comune. Un giocatore che ha contribuito in modo decisivo alla conquista del titolo e senza il quale apporto, l'obiettivo non sarebbe stato affatto raggiunto. Un calciatore che ha accettato in silenzio l'esclusione a vantaggio di alcuni calciatori molto meno bravi e completi di lui e che ha sempre risposto sul campo all'indifferenza madornale mostrata da Andrea Agnelli. Senza contare che Del Piero si è ridotto più volte l'ingaggio e adesso è sedicesimo nella classifica degli ingaggi. Non costa molto e in più dà il suo contributo sempre. In una stagione dove la Juve si ritroverà in Champions, Del Piero DEVE ESSERCI, almeno per due motivi. 1) Dà esperienza ed ha un valore aggiunto per una competizione nella quale spesso a far la differenza è proprio la capacità di affidarsi a singoli campioni esperti 2) Il rispetto e la dignità dell'uomo in questione. La Champions nel nuovo stadio è una cosa che ADP merita assolutamente e che deve assolutamente provare. Le mancanze di rispetto sono andate avanti in modo palese da inizio stagione fino ad oggi e i tifosi bianconeri si ritengono STUFI di atteggiamenti altezzosi e ingiustificati di Agnelli. L'anno scorso Il Capitano firmò in bianco scongiurando un addio molto papabile che, ancora una volta ingiustificatamente, era partito dai vertici della società, rea di non riconoscere affatto l'enorme contributo che dà questo Campione con la "C" maiuscola. Pensiamo siano inutili le dichiarazioni di Agnelli e pensiamo siano inutili anche quelle di Marotta. La società ha deciso DA SOLA, senza una parola spesa da Alessandro Del Piero e NESSUNO, è risaputo fin dagli albori del diritto civile e sportivo, può decidere le sorti di un altro. La cosa più deplorevole è che non è stato nemmeno proposto un eventuale rinnovo ad un giocatore che ci ha dato secondo noi troppo e che ora si ritrova a ricevere zero. L'orgoglio nelle persone spesso sfocia in ignoranza e l'esempio palese è personificato nella figura di Agnelli, né è l'esempio. Personalità come Gianni Agnelli, Umberto Agnelli e Chiusano, non avrebbero mai permesso un simile trattamento a chi rappresenta e rappresenterà per sempre la Juventus perfino più del suo attuale presidente, brav'uomo competente, ma accecato da un orgoglio stupido ed ingiustificato e che non si ferma davanti a nulla per soddisfare la sua sete di potere. Si vociferava di un rapporto di amicizia tra il Presidente Agnelli e Alessandro Del Piero. Noi tifosi non sappiamo come possa essere possibile, in quanto Il Capitano ha dimostrato di avere valori che, con tutto il rispetto, Agnelli non ha nemmeno ancora provato a mostrare. Noi rispettiamo il nostro presidente, ma al momento il nostro rispetto verte anche e soprattutto per Alessandro, Campione che ha dato tutto sè stesso alla Juventus e che ora si ritrova a ricevere un trattamento assolutamente VERGOGNOSO dalla stessa squadra che ha fatto grande e da uomini di indubbia moralità. Andrea Agnelli ha fatto degli errori e la società con lo staff (Nedved, Marotta, Conte, i giocatori), si sono sempre e comunque espressi VOLONTARI E CONTENTI di un'eventuale rinnovo del contratto. Agnelli non deve far altro che rinnovare il contratto a Del Piero e regalarci ancora tante emozioni con il Nostro Capitano. Solo allora si potrà dire di lui bene. Non so quanto interessi questo al Presidente, visto che mi sembra che miri molto di più all'interesse economico/personale, ma lo inviterei a prendere in considerazione le motivazioni di MILIONI DI TIFOSI JUVENTINI e le numerosissime PETIZIONE, PROTESTE E LETTERE DI INTERESSE ricevute a proposito della questione. Juventini da tutto il mondo hanno sottoscritto petizioni di Juve Mia, di varie personalità informatiche e di testate giornalistiche come TuttoJuve. Del Piero e la Juve sono la stessa cosa e in questo modo non lo si può affatto separare. Agnelli rifletta sul perchè Alessandro compì quel gesto e si faccia un esame di coscienza, perchè il rispetto dei tifosi non si compra nè con i soldi, nè con le parole vuote che butta al vento quotidianamente. La Juventus, naturalmente, in questa storia fa una figura PESSIMA e la colpa è da attribuirsi a colui che dovrebbe meglio rappresentare lo stile di questa squadra, lo stile PERFETTO. Ma a quanto pare, il cervello funziona a gettoni, anzi a soldi e l'orgoglio ha la meglio sulla ragione, sull'amicizia, sul rispetto e sulla riconoscenza. Matteo Iacobucci (rappresentante ufficiale di ALESSANDRO DEL PIERO CAPITANO PER SEMPRE, movimento di protesta per il trattamento riservato ad Alessandro Del Piero). P.S. Nelle ultime ore è rimbalzata questa ipotesi. Se il Signor Agnelli considera IL PROBLEMA sia l'ingaggio del Capitano, non c'è assolutamente ALCUN PROBLEMA. I due milioni di bonus che avrebbe dovuto dargli quest'anno come da contratto vigente stipulato, può benissimo darglieli l'anno prossimo come ingaggio per un un nuovo anno contrattuale. E' una soluzione senza alcun dispendio ulteriore di soldi da parte della società. Le bandiere vanno protette, non maltrattate. Grazie Francesco Crupi

Condividi

  • Link copiato

Commenti

Leggi Guerin Sportivo
su tutti i tuoi dispositivi