Giornale di critica e di politica sportiva fondato nel 1912

La cometa Van der Meyde

Redazione

6 marzo 2012

  • Link copiato

Ritrovarsi pensionato di lusso a 32 anni in quel di Apeldoorn, cittadina olandese di provincia, non è propriamente lo scenario che si prefigurava Andy van der Meyde quando, qualche anno fa, era colonna portante di una delle ultime generazioni d’oro dell’Ajax: Sneijder, Ibrahimovic, Van der Vaart, Chivu, Nigel de Jong, Heitinga. Oggi Andy è finito tra i dilettanti, con il WKE. “Non giocavo una partita per intero dal 2005, una trasferta a Bologna con l’Inter. L’Italia è un bellissimo paese, ma ho sbagliato a venirci da giocatore. Quando arrivò l’offerta dell’Inter, l’allora allenatore dell’Ajax Ronald Koeman mi disse: non accettare Andy, non sei pronto. Aveva ragione. Dopo una settimana a Milano, telefonai a David Endt (team manager dell’Ajax, nda) implorandolo di riportarmi a casa. I soldi

Abbonati per continuare a leggere

Questo è un contenuto riservato agli abbonati. Hai letto tutti gli articoli gratis del mese, non smettere di leggere e attiva l’offerta, tanti contenuti con un unico abbonamento.

Abbonati a € 0,99 € 2,99 al mese

Abbonati ora

Commenti

Leggi Guerin Sportivo
su tutti i tuoi dispositivi