Giornale di critica e di politica sportiva fondato nel 1912

Redazione

9 maggio 2011

  • Link copiato

Imputato: Riccardo Garrone, Presidente della Sampdoria
Dalla Champions all'incubo della B. Tutto in meno di dodici mesi. Destino, questo, della Sampdoria, che a due giornate dalla fine del campionato, si trova al terz'ultimo posto in classifica, a due punti dalla salvezza. E' facile, troppo facile, puntare il dito indice contro la società e dare a loro la colpa di questa stagione fallimentare. Iniziata con la sfida europea al Werder Brema, con Cassano e Pazzini in campo (i nuovi Vialli e Mancini, ricordate?) e chiusa con Maccarone e Biabiany. Ma il Presidente Garrone, che in estate ha lasciato andare via la coppia Marotta - DelNeri, sostituendola prima con Gasparin - Di Carlo e poi con Tosi - Cavasin, è colpevole al 100% oppure no?
Dopo la sconfitta di ieri nel derby di Genova, sul banco degli imputati, c'è lui.
Colpevole, perchè?
1 - Dopo un litigio, non ha perdonato Cassano e lo ha lasciato andare via. Qualcuno ha detto che per il bene della Samp avrebbe potuto chiudere un occhio. L'ho fatto già altre e tante volte, ha risposto lui. L'assenza di Antonio ha pesato più del previsto, però.
2 - Ha venduto Pazzini all'Inter. E di conseguenza, dopo l'addio a Cassano, ha di fatto, stravolto l'attacco sampdoriano mettendo in difficoltà ambiente e allenatore.
3 - Con i soldi incassati per la cessione di Pazzini non è riuscito a comprare un degno sostituto. E il mercato di gennaio è stato un mezzo fallimento. Maccarone, Biabiany, Macheda: 3 gol in tre.
4 - In estate non ha rinforzato la squadra. Il Ds Gasparin non si è rivelato all'altezza del suo predecessore. La priorità è stata solo quella di trattenere i big.
5 - Ha litigato con lo stesso Gasparin (il quale voleva più autonomia nelle decisioni di mercato), ha mandato via Di Carlo dopo avergli venduto il reparto d'attacco. Un mezzo suicidio, ma nessuno, pensava, che le conseguenze sarebbero state tanto gravi.
Innocente, perchè?
1 - Il caso Cassano non l'ha fatto scoppiare certo Garrone. Se il barese avesse accettato di presenziare a quel premio non ci sarebbe stato nessun litigio. E Fantantonio sarebbe ancora in maglia blucerchiata e la Samp, di conseguenza, salva da un po'.
2 - Ha venduto Pazzini, vero, ma ha preso Macheda. Un giocatore del Manchester United, un attaccante che volevano in molti. Certo, non avrebbe fatto i gol del Pazzo, ma nessuno, proprio nessuno, poteva aspettarsi un rendimento così basso. 0 reti fatte e qualche spezzone anonimo di partita.
3 - Rispetto ad un anno fa ha cambiato solo i due uomini d'attacco, tutti gli altri sono rimasti. Possibile che con gli stessi 9/11 e un allenatore diverso una squadra possa rischiare di andare in B? Garrone non lo poteva certo prevedere.
4 - Tutte le scelte che ha fatto le ha fatte sempre per amore della Samp, compresa la vendita di Pazzini. Poi sono subentrate componenti psicologiche che l'allenatore di turno non è riuscito a gestire, facendo precipitare i blucerchiati in fondo classifica.
5 - Chiamatela sfortuna, caso, episodi. Componenti non prevedibili nel calcio. Pali, rigori sbagliati, gol subiti nei minuti di recupero. Molti punti la Samp li ha persi anche così. Per colpa di nessuno.
Francesco Aquino

Condividi

  • Link copiato

Commenti

Leggi Guerin Sportivo
su tutti i tuoi dispositivi