Giornale di critica e di politica sportiva fondato nel 1912

Rio 2016, l'Italia al confine delle prime dieci

Rio 2016, l'Italia al confine delle prime dieci

Redazione

22 luglio 2016

  • Link copiato

La decisione finale del CIO, IOC nel resto del mondo, sulla presenza dell'atletica russa ai Giochi di Rio cambierà poco, in ogni senso, nelle prospettive azzurre di medaglia e quindi con due settimane di anticipo sull'inizio della manifestazione vogliamo provare a quantificare ciò che porteremo a casa, ricordando che al di là dell'autoflagellazione e del calciocentrismo rimaniamo sulla carta una potenza dello sport mondiale. Prova ne è che raramente siamo usciti dalle prime dieci posizioni della classifica per numero di medaglie, nei Giochi Olimpici estivi: è accaduto soltanto a Stoccolma 1912, Messico 1968, Montreal 1976 e Barcellona 1992. A chi di default rimpiange sempre il passato ricordiamo che a Londra 2012 sono state vinte più del doppio delle medaglie di Montreal e in un mondo infinitamente più complesso (di sicuro con più nazioni). È però più che possibile che Rio sia la quinta della serie fuori dalle prime dieci, guardando allo stato di salute italiano. La scherma, soprattutto il fioretto femminile, rimane la nostra punta, a cui va affiancato il nuoto che insieme all'atletica è lo sport che più caratterizza i Giochi: quella degli sport acquatici è una delle federazioni meglio gestite d'Italia, con una nazionale forte sia a livello medio che come stelle (Pellegrini e Paltrinieri, ovviamente, ma anche Detti e Dotto), augurando a Tania Cagnotto quella medaglia olimpica (nel sincro, in coppia con la Dallapé) che strameriterebbe in chiusura di una grande carriera. Fra il bronzo e il quarto posto c'è un mondo e pochi come lei potrebbero spiegarlo. Nella pallanuoto, sia maschile che femminile, può accadere di tutto, ma con un ottimismo moderato si può dire che dai nostri sport di punta potrebbero uscire 10 medaglie in totale. Il resto va preso qua e là, con medaglie più da copertina (Clemente Russo, per dire, ma anche la ginnastica ritmica) e altre meno come tiro a volo e tiro a segno. Da prima pagina sarebbe anche un successo di Sara Errani e Roberta Vinci nel doppio femminile, un paio di anni fa ci avremmo quasi scommesso, ma nemmeno loro possono dire adesso se la loro intesa sul campo rinascerà. Il fallimento della pallacanestro a Torino ci ha ricordato che a Rio presenteremo squadre soltanto in due sport, pallavolo e pallanuoto: siccome le medaglie si contano, lo stiamo facendo anche in questo post, ma anche si pesano, questo record negativo negli sport di squadra va sottolineato. Malagò ha parlato di 25 medaglie totali come confine fra il successo e la delusione ed è probabile che abbia alzato l'asticella per motivare tutto l'ambiente, perché dall'analisi sport per sport riteniamo che le 25 ipotizzate dal presidente del CONI sarebbero già un grande successo. Restringendo il discorso alle medaglie d'oro, crediamo in Paltrinieri, Pellegrini, Fiamingo, Errigo, nel fioretto maschile a squadre e in Chamizo Marquez nella lotta, con il massimo traguardo in canna anche per il quattro senza del canottaggio e uno dei tiratori. 8 medaglie d'oro? Da firmare subito. Non escludiamo sorprese positive, ma ci saranno ovviamente anche quelle negative. Senza dimenticare che gli italiani sono più distribuiti, mentre alcune nazioni concentrano i loro sforzi in pochi sport: è il caso della Nuova Zelanda che solamente con vela e canottaggio potrebbe vincere più medaglie di noi in totale. Rimandiamo a fine agosto bollettini della vittoria o autoflagellazioni, ma già adesso si può dire che rimanere nelle prime dieci nazioni del mondo sarà durissima. twitter @StefanoOlivari

Condividi

  • Link copiato

Commenti

Leggi Guerin Sportivo
su tutti i tuoi dispositivi