Il cuoio

Europei, la Scozia ritorna dopo 25 anni

© Getty Images

L’ultima partita nella manifestazione fu un 1-0 alla Svizzera a Euro 1996, ma i britannici vennero eliminati ai gironi a causa della differenza reti: oggi, una nuova sfida ai “cugini” inglesi  

Venticinque anni: ok, dovevano essere 24, ma cambia poco. Per troppo tempo siamo stati senza la Scozia a un Europeo, e adesso possiamo tornare ad ammirare le maglie blu e ad ascoltare l’inno “The soldier’s song”, stupendo e solenne. Ma l’ultima volta com’era andata? Così così, con un’eliminazione per questione di dettagli.

Euro 1996, quel super gol di Gascoigne in Inghilterra-Scozia

Come in questa edizione dell’Europeo, anche nel 1996 la Scozia è stata abbinata nel girone all’Inghilterra. E anche stavolta si giocherà in casa dei Tre Leoni. Allora, nella seconda partita del gruppo, fu un’esibizione dei calciatori in maglia bianca, un 2-0 con uno dei più bei gol in carriera di Paul Gascoigne; un “Gazza” rigenerato che sembrava poter trascinare i suoi al trionfo e che invece si ritroverà eliminato ai rigori in semifinale dalla Germania.

Europei 1996, Scozia eliminata per differenza reti

Quelle due reti dell’Inghilterra (l’altra di Alan Shearer) sarebbero state comunque le uniche incassate dalla difesa scozzese, imperniata sui due centraloni Calderwood-Hendry e sul portiere Goram. Per il resto, 0-0 all’Olanda e vittoria 1-0 contro la Svizzera, con timbro di Ally McCoist, leggendario centravanti dei Glasgow Rangers. Mancava efficacia in avanti, quella sì, nonostante l’apporto in mezzo del grande Gary McAllister. Sarebbe bastato un gol in più, infatti, per andare avanti, visto che a parità di punti e di differenza reti con l’Olanda nel girone erano stati gli Oranje ad andare ai quarti di finale per via dei 3 centri realizzati, contro l’unico della Scozia. Un vero peccato, insomma, ma a cui quest’anno si potrà eventualmente porre rimedio.