Formula 1

Alonso e il mancato ritorno in Formula 1

© LAPRESSE

In occasione della presentazione dell'edizione 2019 della Liberbank Challenge di Esports, il pilota asturiano ha ufficializzato che il prossimo anno non tornerà in Formula 1, preferendo altre sfide al momento non precisate.

Un futuro lontano,almeno per il momento, dalla Formula 1. In occasione della presentazione della Liberbank Challenge 2019 di Esports avvenuta in Spagna ed organizzata dalla sua Fondazione, Fernando Alonso torna a parlare del suo futuro, negando un suo ritorno in Formula 1 al volante di un top team (dopo essersi offerto gratuitamente a Mercedes, Ferrari e Red Bull, ricevendo una risposta negativa) e mettendo così fine a tutte quelle speculazioni lanciate nelle scorse settimane che lo volevano il prossimo anno in Ferrari al posto di un demotivato Sebastian Vettel. “Negli ultimi anni quello che può offrirmi la Formula 1 non è abbastanza attraente a livello personale. È stato un palcoscenico eccezionale per me, ma oggi non trovo in F1 le sfide che potrei raccogliere altrove”.

Alonso ha poi tenuto a precisare che ha già un'idea di quello che farà il prossimo anno, ma che lo ufficializzerà solo al momento opportuno. Una cosa, comunque, è certa: il suo futuro non sarà nella Dakar, come inizialmente supposto dopo la sua decisione di lasciare la Toyota dopo il campionato vinto nella categoria WEC. “Ho un'idea chiara di quello che farò. Non lascio porte aperte, né cerco qualcuno che mi chiami. Ho sempre scelto quando e dove volevo correre, perchè mi muovo basandomi su ciò che mi rende felice. Quello che farò in futuro è nella mia testa, e verrà appreso solo a tempo debito.
La Dakar è una gara attraente, la più importante, ma anche opposta alle mie qualità o al mio stile di guida. Non ho mai gareggiato su terra, e tentare improvvisamente il rally più duro del mondo sarebbe qualcosa di estremo”.

Un pilota, Fernando Alonso, che manca a nostro giudizio e non poco all'attuale Formula 1, dove al volante di una monoposto di vertice sarebbe stato ancora in grado di fare la differenza. L'augurio, forte e sincero, è che nella categoria dove correrà il prossimo anno possa ancora continuare a mostrare tutto il suo potenziale che lo ha portato non solo a vincere come detto il campionato Wec con la Toyota, ma anche la 24 Ore di Daytona lo scorso Gennaio, e a bissare lo scorso Giugno la vittoria nella 24 Ore di Le Mans dopo quella già conquistata lo scorso anno.