Formula 1

F1, Gp Monza: le 10 vittorie più belle della Ferrari. 2° e ultima parte

Dopo aver presentato ieri le prime 5 gare, si conclude oggi il nostro viaggio attraverso quelle che abbiamo ritenuto essere le 10 vittorie più belle ottenute dalla Ferrari a Monza in occasione del GP d'Italia. A voi Guerinetti, il compito di creare dalla top 10 che abbiamo presentato ieri e oggi la vostra classifica delle 10 vittorie più belle Ferrari, e, qualora lo vogliate, condividerla con noi. GP ITALIA 1979. Il 9 Settembre 1979 rappresenta una data molto importante per i tifosi della Ferrari. A Monza, infatti, la scuderia del Cavallino Rampante centra non solo infatti una preziosissima doppietta, con il pilota sudafricano Jody Scheckter, che si aggiudica la gara, e con il giovane pilota canadese, Gilles Villeneuve, ma al contempo Scheckter stesso e la scuderia di Maranello si aggiudicano rispettivamente il Mondiale piloti e costruttori. Da segnalare il terzo posto di Clay Regazzoni e il quarto di Nicky Lauda in questo GP che vede ai primi 4 posti il presente e il passato della Rossa. [embed]http://www.youtube.com/watch?v=Irhw9UxvdO0[/embed] GP ITALIA 1988. Il Gran Premio di Monza disputato l'11 Settembre 1988, è un Gp molto particolare per la Ferrari: si tratta, infatti, del primo Gp D'Italia senza il suo fondatore, Enzo Ferrari, venuto a mancare il 14 Agosto dello stesso anno. C'è grande volontà, da parte della scuderia, di ricordare con un buon risultato,il Presidente Ferrari, ma non è semplice causa il netto dominio delle Mc Laren-Honda di Senna e Prost, le quali sino a ora hanno vinto praticamente tutte le gare della stagione. Un copione che sembra ripetersi anche a Monza, con le due Mc Laren in prima fila (Senna in pole seguito da Prost), e con le Rosse di Berger ed Alboreto in seconda fila, e che sembrano nuovamente dominare.Al 35° giro la prima sorpresa con Prost costretto a ritirarsi per un problema al motore. Senna ha ormai la vittoria in pugno, quando improvvisamente, al 49° giro, e quindi a due giri dal termine, ecco un nuovo colpo di scena, con la McLaren di Senna che viene colpita dalla monoposto di Schlesser che il pilota brasiliano della McLaren doveva doppiare. Gara finita per lui, e via libera per le due Rosse di Berger e Alboreto che vincono così la gara. [embed]http://www.youtube.com/watch?v=TSVxkQToMIQ[/embed] GP ITALIA 2000. Questa edizione del Gp D'Italia corsa il 10 Settembre 2000 viene ricordato per la scomparsa di uno dei commissari della pista della CEA, Paolo Gislimberti. Il drammatico incidente al primissimo giro che vede protagonisti alla Variante della Roggia la Ferrari di Barrichello, la McLaren di Coulthard, la Arrows di De La Rosa, la Bar Honda di Zonta, la Jaguar di Herbert e la Jordan di Frentzen. Se per fortuna i piloti non riportano ferite significative, chi ha la peggio è uno dei commissari di pista della CEA, Paolo Gislimberti, che purtroppo viene colpito mortalmente al volto e al torace da una ruota staccatasi dalla Jordan di Frentzen. Dopo dieci giri dietro la Safety Car, per consentire i soccorsi,purtroppo inutili al commissario CEA, la gara riprende, e vedrà al termine la vittoria della Ferrari di Schumacher davanti alla Mc Laren di Hakkinen e alla Williams Bmw del fratello Ralf. GP ITALIA 2002. Il Gp, disputato il 15 Settembre, vede la vittoria della Ferrari F 2002 di Rubens Barrichello, con un vantaggio di due decimi e mezzo sul compagno di squadra Schumacher e di 52 secondi sulla Jaguar-Ford dell'ex pilota Ferrari Irvine. Gara contrassegnata al via dal taglio della prima variante da parte di Ralf Schumacher, costretto a cedere al 5° giro la testa della classifica al comapgno di squadra Montoya, a Barrichello e a Schumacher (già Campione del Mondo) prima di ritirarsi a causa di un guasto al motore. Dopo aver superato entrambi Montoya, la gara vedrà dominare le due Ferrari con Barrichello davanti a Schumacher, il quale rallenterà nel finale per tagliare in parata con entrambe le monoposto il traguardo. GP ITALIA 2010. Il Gran Premio d'Italia 2010, corso sul circuito di Monza il 12 Settembre, vede la prima vittoria da ferrarista del pilota spagnolo, Fernando Alonso. Al via il pilota asturiano sbaglia la partenza, facendosi superare da Button, e facendosi toccare da Massa senza però riportare danni. La gara vive dell'inseguimento delle due Ferrari nei confronti della Mc Laren di Button, che presenta un buon assetto sul circuito brianzolo. Il momento decisivo della corsa avviene al 36° giro, quando Alonso, riesce a superare Button, grazie a un pit stop più veloce di quello del pilota inglese, e va a vincere il Gp d'Italia, seguito da per l'appunto a quasi 3 secondi da Button, a 4 secondi da Massa, e via via da tutti gli altri. Inizia così una rimonta che terrà in gioco fino all'ultimo il pilota spagnolo della Ferrari. Rüdiger Franz Gaetano Herberhold