Formula 1

Hamilton-Ferrari: un duello infinito

Una giornata interlocutoria ma conclusa con una grande certezza: la Ferrari c'è! Se la prima sessione di prove libere si era conclusa con le due Mercedes davanti a tutti (e più precisamente con Hamilton in testa con il tempo di 1'16”212, con Rosberg secondo e staccato di 4 decimi con il tempo di 1'16”627), con le Lotus soprendentemente terza con Grosjean, la Force India quarta con Hulkenberg e la Ferrari solo quinta con Vettel e dodicesima con Raikkonen, nella FP2 è cambiato praticamente tutto. Se è vero che Hamilton resiste in testa con il tempo di 1'15”988, a circa tre decimi nella simulazione di qualifica si posizionano le Ferrari di Vettel (1'16”304 ) e di Raikkonen (1'16”310), staccate tra loro di sei millesimi. Un'inezia. Quarta l'altra Mercedes di Rosberg, staccato di circa un decimo da Raikkonen, come possiamo vedere nella tabella riepilogativa. Riepilogo FP2 Da sottolineare anche il discreto passo gara evidenziato dalla Ferrari con Vettel capace di girare addirittura sul piede dell'1'18 alto con l'1'19 dei due piloti Mercedes. Una sessione, però, la FP2, che, come successo a Montecarlo, è durata di fatto 35 minuti a causa dell'arrivo di un violento diluvio molto simile come intensità a quello che si verifico proprio qui a Montreal in occasione dell'edizione del GP 2011. Monoposto Hamilton post incidente Le scuderie potrebbero star ferme visto e considerato che in fondo sia domani che dopodomani per qualifiche e gara viene dato tutto sommato tempo buono con un deciso aumento delle temperature. E invece dopo circa un quarto d'ora dall'inizio del diluvio la Mercedes manda in pista Rosberg ed Hamilton con le gomme intermedie,caratterizzate dalla banda verde. Se la scelta del team di Stoccarda è assolutamente meritevole nei confronti del pubblico pagante, non possiamo non rimaner perplessi dalla gomma proposta ai piloti: vista la notevole quantità di acqua in pista non sarebbe stato più opportuno montare una gomma da bagnato estremo, la full wet, caratterizzata dalla banda blu, per evitare rischi di aquaplanning? E infatti, come volevasi puntualmente dimostrare, dopo quasi tre quarti di giro di riscaldamento, Hamilton perde il controllo della monoposto e va a sbattere frontalmente contro il muro della curva 10, al tornantino del Casinò. Safety Car FP2 La Direzione Gara manda la safety car in pista per valutare le condizioni della pista e poi riapre la pitlane facendo così ripartire la sessione di prove, ma a mezz'ora dal termine della sessione dopo quanto occorso al pilota inglese della Mercedes, nessuno scende più in pista. Diventa così importante la FP3 di domani per poter così mettere a punto ulteriori affinamenti degli assetti in vista delle qualifiche di domani sera e la gara di domenica sera. In tal senso ricordiamo che che l'ultima sessione di prove libere si correrà domani pomeriggio dalle 16 alle 17 ora italiana (diretta SKY SPORT F1 HD; differita RAISPORT 1 dalle 20.30), le qualifiche dalle 19 alle 20 (diretta SKY SPORT F1 HD; differita su RAIDUE dalle 23.15) e infine domenica a partire dalle 20 ora italiana si correrà il GP del Canada (diretta su SKY SPORT F1 HD; differita dalle 23 su RAIDUE), con l'auspicio di poter vedere una gara combattuta tra due grandi team come Mercedes e Ferrari, i quali, siamo certi, non mancheranno di vender cara la pelle. Rüdiger Franz Gaetano Herberhold