Calcio

Sergio Ramos il re delle ammonizioni

© AFPS

Nella serata del primo cartellino rosso per Cristiano Ronaldo in Champions League il suo ex compagno al Real Madrid ha battuto il record di Scholes...

Il Real Madrid che ha appena travolto la Roma ha in estate venduto il più forte giocatore del mondo, il numero due per chi proprio lo detesta, ma ha tutt'ora fra le sue fila il miglior difensore del pianeta. E proprio contro i giallorossi Sergio Ramos ha battuto un record notevolissimo, diventando il giocatore più sabzionato dagli arbitri nella storia della Champions League con 37 cartellini fra gialli (34) e rossi (3, di cui uno diretto).

Il capitano dei Blancos ha così superato di un cartellino l’indimenticato Paul Scholes, che senza consultare le statististiche quasi nessuno assocerebbe all’idea di giocatore falloso. Comunque adesso l’ex centrocampista del Manchester United di Ferguson ha perso questo poco invidiabile record, anche se raggiungere questi numeri non significa per forza essere cattivi. È chiaro che più partite si giocano (e Sergio Ramos nella sola Champions League ne ha disputate 115, visto che il Real è solito andare fino in fondo) maggiori sono le possibilità, oltretutto per un difensore, di incorrere in sanzioni arbitrali. Per fare un paragone italiano, un altro difensore esperto e da Champions League come Chiellini ha soltanto 15 cartellini, 13 gialli e 2 rossi, ma in 65 partite. Non vogliamo comunque stilare classifiche di cattiveria in questo modo, anche perché in rapporto alle partite giocate i difensori delle squadre più deboli subiscono più sanzioni, ma la statistica dice che nonostante la maglia che indossa Sergio Ramos il cartellino davanti al naso lo vede spesso anche se poi, all’atto pratico, le sue giornate totali di squalifica in Champions sono state soltanto tre.

E Cristiano Ronaldo, tanto per non dimenticare il caso del giorno? In 154 partite di Champions League fra Manchester United, Real Madrid e l’unica con la maglia della Juventus, è stato ammonito 18 volte ed espulso soltanto una, proprio in maglia bianconera. Lo scontato confronto con Messi dice che l’argentino ha giocato soltanto 126 partite di Champions, venendo ammonito 10 volte ed espulso mai.