Calcio

Preliminari: prima volta del Sassuolo, Roma contro la cabala

La finale di Europa League si disputerà a Stoccolma nella nuova Friends Arena di Solna inaugurata nel 2012. Chissà se il Sassuolo, al debutto assoluto, riuscirà ad arrivare fino a quel giorno. Con il sogno in tasca e l'idea di stupire proponendo un bel calcio, la squadra di Di Francesco si sta preparando per la partita del terzo turni preliminare. Appena oggi il sorteggio ha messo il Sassuolo sul cammino del Lucerna, terzo lo scorso anno nella Super League svizzera. L'andata si giocherà il 28 luglio in Svizzera e il ritorno il 4 agosto al Mapei Stadium. Alla sfida del 28 il Lucerna arriverà dopo aver disputato una gara di campionato: il torneo elvetico inizia infatti il 23 luglio, quando gli avversari del Sassuolo esordiranno in casa del Lugano. Una sfida più che abbordabile per la compagine emiliana. Unico giocatore vecchia gloria il portoghese Ricardo Costa che si laureò campione d'Europa con la maglia del Porto di Mourinho nel 2004. In attacco la velocità di Joao Olivera, portoghese naturalizzato svizzero. Del resto squadra modesta che in patria negli ultimi anni ha fatto molto bene. Il Sassuolo arriverà sicuramente alla sfida del 28 luglio senza grandi colpi di mercato e con alcuni che se ne sono andati come Vrsaljiko, ceduto all'Atletico Madrid. Sulla carta però gli undici di Di Francesco appaiono più forti e ben quotati per il passaggio del turno. Un solo precedente contro le squadre italiane per il Lucerna: risale ai quarti di finale della Coppa delle Coppe 1960-61, quando la squadra allora allenata da Rudi Gutendorf sfidò la Fiorentina, che lì batté 3-0 in Svizzera e 6-2 in casa. Attualmente gli svizzeri sono allenati da Markus Babbel, gloria del Bayern Monaco e uno dei trionfatori a Euro 1996 in Inghilterra. Dall'Europa League alla Champions. Contemporaneamente è stato sorteggiato anche il terzo turno preliminare della massima competizione europea. Tra gli incontri più interessanti ci sono Ajax-Paok, Fenerbahce-Monaco e Sparta Praga-Steaua. La Roma, invece, giocherà nei play-off: la squadra di Spalletti non sarà testa di serie nel sorteggio e rischia di scontrarsi con una tra Porto, Manchester City e Villarreal. Nelle ultime stagioni il bottino delle italiane è stato disastroso. Da quando Platini ha cambiato il format dei preliminari, dividendo i destini dei club delle nazioni guida da quello dei paesi emergenti, lo score è sconfortante: solo la Fiorentina (Sporting Lisbona nel 2009) e il Milan (Psv nel 2013) hanno superato l'ostacolo. In altre 5 occasioni la corsa nella Champions League è finita prima di cominciare: Sampdoria (2010), Udinese (2011 e 2012), Napoli (2014) e Lazio (2015). Colpa nostra, ma anche difficoltà ad entrare nell'urna con posizioni non favorevoli e con il rischio di pescare male nel sorteggio. Marco Stiletti