Calcio

Vidal e gli altri. Le cessioni più remunerative della Juventus

Trentasette milioni, più bonus. La cifra incassata dalla Juve per Arturo Vidal, seppur più bassa delle richieste bianconere di qualche tempo fa, sarebbe notevole. Considerando gli acciacchi dell’ultima stagione, un certo caratterino fuori dal campo del giocatore e la plusvalenza di venticinque milioni rispetto ai dodici spesi per prelevarlo dal Bayer Leverkusen, l’affare è soddisfacente per entrambe le parti. Il Bayern Monaco si garantisce il cileno, la Juve ha denaro fresco da reinvestire, magari andando a pesca proprio in Baviera, con l’acquisto di Mario Götze. Solo per l’affare Zidane al Real Madrid, nell’estate 2001, Madama incassò di più (73 milioni di euro, coi quali venne rifondata la squadra: arrivarono Buffon, Nedved e Thuram). Al pari della cessione di Vidal, troviamo poi quella di Filippo Inzaghi nella stessa stagione, anche se non furono 37 milioni di euro cash (20 milioni in contanti più Cristian Zenoni, leggermente sopravvalutato). Scorrendo ulteriormente la lista, tra le alte cifre incassate dal club bianconero dobbiamo passare al 2006-07, quando con la discesa in Serie B dovuta a Calciopoli, fu resa necessaria la vendita di molti campioni, tra cui quella di Zlatan Ibrahimovic all’Inter (25 milioni). In quell’estate calda lasciarono Torino anche Zambrotta e Thuram al Barcellona (14 milioni il primo, 5 il secondo), Fabio Cannavaro ed Emerson al Real Madrid (11,5 ciascuno), Patrick Vieira all’Inter (9) e Adrian Mutu alla Fiorentina (8). Tra le cifre remunerative, da ricordare i 19 milioni di euro incassati per Angelo Peruzzi, ceduto all’Inter nel 1999-00, stessa stagione in cui fu frettolosamente sblognato all’Arsenal Thierry Henry per 16 milioni di euro. In quel caso però l'affare fu tutto dei Gunners. Sedici milioni è anche la cifra ricevuta dalla Roma per Matteo Brighi nel 2004-05, e per Diego al Wolfsburg nel 2010-11 (minusvalenza: fu prelevato dal Werder Brema per il doppio). A quindici milioni furono venduti Christian Vieri all’Atlético Madrid nel 1997-98 e Darko Kovacevic alla Lazio nel 2001-02, quest'ultimo un vero anno d’oro per le casse del club, a conferma di una certa abilità della Juventus anche nel saper vendere. A volte in modo precipitoso (Vieri ed Henry, appunto), altre al momento giusto. E tra questi, potrebbe rientrare Vidal. Giovanni Del Bianco @g_delbianco