Altro

La Formula 1 2015 in TV

Anche quest'anno dirette e differite. In queste settimane è stata infatti ufficializzata la suddivisione di dirette e differite tra Rai e Sky per il 2015. Ricordiamo infatti che secondo accordo FOM firmato nel Giugno 2012 SKY ha acquisito i diritti per la messa in onda dei GP di Formula 1 dal 2013 al 2015 con opzione per 2016 e 2017; la Rai in seguito ha acquisito i secondi diritti per poter trasmettere in diretta 9 gare (GP Italia più altre 8 gare) e le rimanenti in differita fino al 2017 seguendo così il modello misto dirette-differite entrato in vigore anche in Inghilterra nel 2012 con la suddivisione dei diritti tra Sky e Bbc. Prima di procedere alla pubblicazione della suddivisione dei Gran Premi, cerchiamo di capire come avviene la suddivisione degli stessi tra tv in chiaro e pay-tv, argomento questo che molto spesso viene affrontato in rete nei vari forum di F1 e che non sempre a dire il vero risulta essere chiaro agli appassionati. A partire è la emittente in chiaro (in questo caso la Rai) che deve scegliere tra i GP in programma tre gare, poi è Sky a scegliere a sua volta 3 GP. Esaurita questa prima fase, si va a oltranza con Rai che sceglie un GP, Sky che ne sceglie un'altro, e così via. Attenzione: nella scelta dei GP c'è anche un altro paletto, e cioè che RAI e SKY non possono scegliere più di 2 GP consecutivi. Per cui potremo avere max 2 dirette o 2 differite consecutive, ma non di più. Essendo quest'anno 20 le gare in programma, arriveremo così a 9 dirette e 11 differite. Altra considerazione riguarda la messa in onda delle differite, elemento importante come vedremo per due delle gare in esclusiva SKY. Secondo contratto SKY-FOM, la tv in chiaro potrà trasmettere le gare scelte in esclusiva da SKY solo tre ore dopo la loro conclusione (e quindi 5 ore dopo l'orario di partenza). Andiamo adesso a pubblicare il calendario 2015 delle dirette/differite della Formula 1 in chiaro 2015. 15 marzo Australia Differita Rai 29 marzo Malesia Differita Rai 12 aprile Cina DIRETTA RAI-SKY 19 aprile Bahrain Differita Rai 10 maggio Spagna Differita Rai 24 maggio Principato di Monaco DIRETTA RAI-SKY 7 giugno Canada Differita Rai 21 giugno Austria Differita Rai 5 luglio Gran Bretagna DIRETTA RAI-SKY 19 luglio Germania Differita Rai 26 luglio Ungheria DIRETTA RAI-SKY 23 agosto Belgio Differita Rai 6 settembre Italia DIRETTA RAI-SKY 20 settembre Singapore DIRETTA RAI-SKY 27 settembre Giappone Differita Rai 11 ottobre Russia Differita Rai 25 ottobre Stati Uniti DIRETTA RAI-SKY 1 novembre Messico Differita Rai 15 novembre Brasile DIRETTA RAI-SKY 29 novembre Emirati Arabi Uniti DIRETTA RAI-SKY Osservando con attenzione la suddivisione dei GP, alcune cose tendono subito ad emergere. Tanto per cominciare: la prima metà del calendario vedrà 3 dirette e 7 differite, mentre nella seconda parte vedremo 6 dirette e 4 differite. Non sappiamo se questa cosa sia stata frutto della suddivisione in se per se o di un attenzione della tv in chiaro di puntare sulla seconda parte della stagione, sperando di poter assistere a un Mondiale più combattuto di quello della scorsa stagione. In merito alla scelta dei GP abbiamo un elemento positivo e un elemento negativo da rilevare: se da una parte i GP di Monaco e Inghilterra tornano finalmente in diretta con le gare sui circuiti di Montecarlo e Silverstone in chiaro, dobbiamo purtroppo altrettanto rilevare la differita dei GP di Canada e Messico. Visto e considerato che entrambi i GP dovrebbero partire alle 20 ora italiana, salvo diversi accordi tra Rai e Sky il rischio davvero molto serio è che la differita possa andare in onda all'1 di notte, andando così a penalizzare tutti quegli appassionati che vorrebbero poter vedere la gara, ma che la mattina successiva devono alzarsi presto per poter andare a lavorare e che ovviamente non possono stare in piedi fino a tarda ora. Non sappiamo cosa preveda in questi casi l'accordo con FOM, ma il nostro auspicio è che oltre alla messa in onda in differita all'una di notte, venga valutata l'ipotesi di ridare la gara una seconda volta il lunedì sera in prima serata in una fascia decisamente più accessibile a tutti. In un momento in cui già la Formula 1 vive un momento di crisi mondiale sul profilo degli ascolti (secondo il Daily Mail lo scorso anno ci sarebbe stata una perdita di addirittura 25 milioni di spettatori, passando da 450 milioni a 425 circa, argomento su cui comunque torneremo più diffusamente), non sarebbe cosa da poco. Rüdiger Franz Gaetano Herberhold